Maschere di Mamuthone

Maschera di Mamuthones , tipica maschera del Carnevale di Mamoiada. Realizzata interamente a mano in resina-cuoio e legno, sapientemente lavorata a mano dall’Artigiano Sandro Cadinu. Corredata con cinturino in cuoio.

 

 

La maschera

(Fonte Wikipedia)

I Mamuthones e gli Issohadores sono maschere tipiche del carnevale di Mamoiada in Sardegna. Le due figure si distinguono per i vestiti e per il modo di muoversi all’interno della processione: i Mamuthones procedono affaticati e in silenzio mentre gli Issohadores vestono in modo colorato e danno movimento alla processione.

Il nome Mamuthone è un enigma. I pareri sono diversi ed esistono varie ipotesi: c’è chi lo collega semplicemente al nome stesso del paese, in origine una fontana, chi ad altri riferimenti toponomastici, chi risale ad altre civiltà e antichi riti, altri ancora richiamano i nomi degli spaventapasseri, degli idoli bacchici ed esseri spaventevoli della leggenda popolare comuni in tutta la Sardegna.

Secondo un’ipotesi sarebbe da ricollegare ad un antico culto delle acque e nel nostro caso in particolare alla impetrazione della pioggia, il nome risulta composto dalle radici mam e muth più il suffisso ones. La prima significherebbe “acqua”, la seconda, dal greco muthéomai, sta per “chiamare” ed il gruppo ones corrispondente al suffisso indoeuropeo on ed al suffisso etnico basco on, nonché al greco óntes (oi ontes Polyb. = i vivi) da eimí = essere, ha il chiaro e noto valore di “uomini” per cui i Mamuthones sarebbero gli “uomini invocanti la pioggia”. Un’altra ipotesi ancora fa derivare il nome da maimatto, ossia il tempestoso, colui che s’infuria (nel senso che fa infuriare la tempesta), un epiteto dato allo Zeus Pluviale divinità sotterranea identificata con Dioniso, che ogni anno moriva, per rinascere a primavera con la vegetazione dei campi, nel ciclo annuale dell’eterno ritorno.

Il gruppo dei Mamuthones è accompagnato dagli Issohadores, caratteristici nell’abbigliamento in forte contrasto con gli scuri compagni di esibizione. Tengono in mano sa soha, si tratta di una particolare lunga fune in giunco, abilmente lavorato e intrecciato da mani esperte ma che prima era di cuoio crudo, spesso e pesante; il nome soha appartiene proprio al tipo usato per legare e catturare il bestiame. Issohadore in sardo significa letteralmente “colui che prende con la soha che reca in mano” e che dà, appunto, il nome alla figura.[1]